Ernia inguinale bilaterale

    Pubblicato il: 28 Maggio 2018 Aggiornato il: 28 Maggio 2018

    DOMANDA

    Ho 80 anni e godo di ottima salute generale, anche se ora devo fare i conti con un’ernia inguinale bilaterale che, sebbene al momento non mi dia particolare fastidio, mi vedrà costretto a sottopormi ad intervento chirurgico in tempi relativamente brevi. Il medico, visto le mie condizioni di salute, riterrebbe opportuno intervenire su entrambe in un’unica soluzione e con ricovero di 12-24 ore, ma io preferirei farne una alla volta in anestesia locale e senza degenza.
    Posso conoscere il suo autorevole pensiero in merito ? Sa anche dirmi se per questo tipo di intervento c’è qualche centro particolarmente specializzato nell’Italia centrale ? Grazie

    RISPOSTA

    Gentile Signore,

    lei ha assolutamente ragione, e concordo con la sua scelta.
    Se vuole siamo a sua disposizione.
    In italia centrale vi sono centri che adottano tale filosofia, ma per ragioni di privacy e di collegialita’ non ne indichiamo alcuna in particolare.
    Cordiali saluti
    Prof. G. Campanelli

    Giampiero Campanelli

    Giampiero Campanelli

    CHIRURGIA DELL’ERNIA ADDOMINALE. Professore ordinario di chirurgia all’Università degli Studi dell’Insubria (Como e Varese). Nato a Roma nel 1960, laurea in medicina nel 1985, è direttore della chirurgia generale-day surgery presso l’Istituto clinico Sant’Ambrogio di Milano. È anche presidente eletto della Società italiana di chirurgia ambulatoriale e di Day Surgery (Sicadas) e segretario generale dell’European […]
    Invia una domanda