Laser Co2 erbium e Laser frazionato

    Pubblicato il: 27 Gennaio 2010 Aggiornato il: 27 Gennaio 2010

    DOMANDA

    Salve Dottore volevo chiederele un breve confronto tra laser CO2 e laser frazionato a livello di risultati si equivalgono?
    Vorrei anche capire se per laser frazionato si intende sempre laser “CO2” però frazionato?
    GRAZIE per la sua cortese attenzione.

    RISPOSTA

    I laser ablativi frazionali o ‘frazionati’ possono essere CO2 oppure Erbium:Yag.
    A differenza dei laser precedenti che eseguivano un resurfacing ablativo, dove cioè tutta la superficie della pelle da trattare veniva vaporizzata, i laser frazionati eseguono un resurfacing non ablativo, mantengono cioè l’integrità della pelle.
    Il laser provoca forellini invisibili sulla cute attraverso i quali riesce ad agire a varie profondità (la profondità viene decisa dall’operatore cambiando opportunamente i parametri del laser) provocando la denaturazione del collagene e conseguentemente la produzione di nuovo collagene ed elastina. Nelle stesse aree viene anche rimosso, se presente, il pigmento cutaneo.
    La tecnologia frazionata permette di dividere il raggio laser in numerosi impulsi di luce un poco distanziati tra loro (alcuni micron, cioè millesimi di millimetro) in modo da lasciare integre piccole isole di tessuto da cui parte la rigenerazione. Si ha cioè un ‘effetto pixel’: le piccole zone trattate, perfettamente distanziate tra loro, pur essendo separate da micro aree non trattate producono effetti migliorativi che vengono percepiti come uniformi dall’occhio umano.
    Le indicazioni sono le rughe periorali e perioculari, il ringiovanimento del viso, le cicatrici da acne, le pigmentazioni cutanee.
    I vantaggi di questa tecnologia sono notevoli rispetto ai laser convenzionali in quanto permettono un completo recupero in pochi giorni permettendo nel frattempo di continuare una normale vita sociale. Il trattamento non causa dolore, ma solo una sensazione di bruciore, tanto che spesso viene eseguito senza anestesia o con una anestesia locale in regime ambulatoriale
    Dopo il trattamento si ha un poco di gonfiore e di rossore che durano alcuni giorni (meno per l’Erbium frazionato, di più per il CO2).
    I risultati non sono immediati ma si vedranno progressivamente in alcuni mesi.
    In media, per ottenere buoni risultati sono necessarie varie sedute (da 3 a 5) distanziate tra loro di circa un paio di mesi.
    Quale è il migliore tra i laser frazionati? Dare una risposta è molto difficile. La cosa importante è comunque sempre rivolgersi a medici specialisti e di provata esperienza nel settore.