pensieri ricorrenti

    Pubblicato il: 17 Gennaio 2012 Aggiornato il: 17 Gennaio 2012

    DOMANDA

    buonasera, sono un ragazzo di 35 anni in questo periodo nonostante non mi sia successo niente di grave sto soffrendo per pensieri o meglio fissazioni come ad esempio mi e capitato di litigare e pensare sempre su quel episodio a volte avvertivo episodi di depersonalizazione cioe mentre parlavo mi sentivo strano,a volta mi capita di provare un senso di agitazione.adesso sto un po meglio nonostante non abbia mai preso psicofarmaci, vorrei sapere se tutto questo appartiene all’rea ansiosa in quanto il mio medico di famiglia pensa che sia proprio questo.Fiducioso di una risposta , distintamente saluto.

    RISPOSTA

    da quello che mi dice riesco a capire che potrebbe trattarsi di un disturbo di ansia o anche dell’umore. Certamente sono esperienze aspecifiche e che potrebbero anche essere espressione di altro, il decorso clinico è comunque sempre il riferimento fondamentale. Pertanto se la situazione, come mi sembra di capire, migliora fino al punto di vedere scomparire tutti i sintomi potrà evitare di consultare personalmente uno specialista. Ma se posso le vorrei suggerire di parlane con un medico, non tanto per la gravità dei sintomi, che non riesco a valutare da quanto mi dice ( ad esempio che impatto hanno sulla sua vita sociale etc) , quanto perchè mi parrebbe giusto voler stare meglio, poichè credo che certamente sia possibile
    cordialità